15.12.08

è Memole il nome mio

Come ogni anno, anche se solo il secondo, ci siamo trovati un po’ tutti alla 2a edizione della Babbo Natale Running di Tradate.
Quest’anno è la pioggia a farla da padrona, che ha un po’ limitato le presenze (l’anno scorso era il freddo a -5°C).
C’erano Babbi Natali di tutte le forme e dimensioni, che sembravano più folletti o marziani capitati lì un po’ per caso. 



Causa la crisi che imperversa ero sprovvisto di cintura e di barba bianca…
… ma ho coltivato per 2 mesi la mia barba rossa, che però cadrà per andare a creare un cuscino per allietare le notti gelate…

Saluti e buone feste…

30.11.08

Premiazione PSV

Stamattina si è svolta la consueta premiazione di fine anno del podismo sportivo del varesotto

Elenco premiati

Classifica Piede d’Oro 2008

Ho pubblicato qualche foto sull’articolo del sito dell’atletica Arcisate ( vedi l’articolo )

Mentre mi avvio verso casa nella Varese avvolta dalla nebbia e da una sottilissima pioggia ripenso un po’ a questo tempo pazzerello che è passato in pochi giorni dal caldo torrido



Al freddo polare…

25.11.08

Stamattina

Questa mattina… mi son svegliato…

e c’erano -3,5°C , brrrrrrrr che freddo……..
Meno male che ero al calduccio a lavorare….
Però domani starò fuori tutto il giorno….

Intanto vi mando una foto della partenza della maratona, io ero li in basso a destra con un berretto di lana nero…



Se non mi avete visto pubblico una foto del giorno precedente, che verrà pubblicata a sua volta sul sito dell’atletica Arcisate, nella “sezione amatoriale”.



20.11.08

Freddo freddo !!!



Con sto’ freddo mi fate tornare a venti giorni fa, con cappellino di lana, guanti e giacca trapuntata: manca solo la neve, ma la tv svizzera continua a rimandare (tempo nel varesotto) a lunedì o martedì, quindi mi sa che domenica mattina qualcosa la devo pur fare per non rischiare di atrofizzarmi…

9.11.08

PSV - Ultimo atto

Si conclude a Mercallo la stagione del podismo sportivo del Varesotto, con una gara molto impegnativa, quasi totalmente su percorso sterrato, e accidentato. La pioggia dei giorni scorsi però non ha poi provocato così tanti danni, è stata più la pioggia del primo mattino che ha reso il terreno cosparso di foglie, un po’ insidioso.

Voci di corridoio mi dicono che è stato anche un po’ ripulito dalle foglie e mi paro che non ci siano stati infortuni di rilievo.

La mia gara è stata tranquilla (1ora e spiccioli per 8,5 Km), per i postumi della Maratona, della puntura di antitetanica (ahi, che dolor!!!), ma forse e soprattutto per la cena al Cinese e del suo pollo al limone fritto (però ho mangiato tutto con le bacchette, anche il riso!!!).

L’ultimo-ultimo atto verrà domenica 30 Novembre al Salone Estense nel Comune di Varese con la premiazione degli atleti iscritti al piede d’oro.

Io in classifica (cat.22/32) sono arrivato 6° su 7° premiati, gli altri hanno saltato più di 10 gare e sono stati eliminati.

Ci vediamo dopo la premiazione con alcune foto…

8.11.08

Storie di animali

SQUIRREL – scoiattolo

A pochi passi dal Flatiron Building, all’incrocio tra la Quinta Avenue e la Broadway con la 23a Strada



C’è un piccolo parco pubblico chiamato “Madison Square Park”



Qui incontriamo degli animaletti molto socievoli, gli scoiattoli… Basta chiamarli e loro si avvicinano, scavalcano le reti, saltano sulle panchine e rovistano pure nelle borse…



Data la scarsità di piante da frutto, si accontentano di tutto quello che passa, questo qui si è mangiato 4 mini Ritz, che divorava avidamente e velocemente, per poi ritornare da me annusando l’aria e cercandone ancora.



Non sono come i cugini ricchi di central park, i quali passano l’estate a nascondere le ghiande e le nocciole sotto terra, li fin troppo abbondanti, per poi disotterrarle e mangiarle in autunno…



Anche loro si avvicinano, un po’ più diffidenti, ma appena annusano i Ritz o del pane, scappano via disgustati tornando alle loro ghiande.



E’ questa l’altra New York, ricchezza è povertà sono mescolate assieme in poco spazio

Dove a pochi metri da Times Square, che brilla di luci e musica, c’è ancora gente che dorme per terra e chiede l’elemosina…

6.11.08

LA GARA

Ore 10.00 AM – pronti,partenza…via!!!

Come dicevo prima, dopo appena 10 secondi dallo sparo ho varcato la linea di partenza e ho fatto partire il cronometro: il sole è già alto ma il freddo è pungente, per il primo miglio la strada sale, per poi scendere fino al secondo miglio.

Sul ponte, noi della blu siamo sulla parte destra, gli arancioni a sinistra e i verdi sotto


Finito il ponte mi tolgo e lancio la felpa a bordo strada e comincio la discesa verso Brooklyn. Qui comincia il primo bagno di folla, che sarà presente per tutto il tempo della gara. La gente è tutta in festa e urla i nomi delle varie nazioni “Vive la françe” , “Forza Italia” (si…),ect… oppure i nomi degli atleti per chi lo ha segnato sulle maglie.


Molti hanno la maglietta con scritto “Obama” davanti e “11-2-08 I RUN – 11-4-08 WE CAN” mentre ai lati delle strade cominciano ad apparire bandiere e striscioni delle varie nazionalità e i bambini chiedono il cinque.

Al quarto kilometro la corsia arancione si è affiancata alla nostra, ma divisa dai nastri, mentre al sesto la corsia verde si è immessa con la nostra.

Non so a quanti bambini ho dato il cinque, ogni tanto mi spostavo dalla parte destra della strada a salutarli, altre volte alzavo la mano o facevo loro un sorriso, mentre continuavo a tenere il mio passo.



Nella parte centrale di Brooklyn, ai lati delle strade c’erano molte bande rock, che suonavano con le casse a palla e sempre una moltitudine di gente che gridava e incitava. All’ottavo miglio (attorno al 13° km – 1 ora spaccata ) le 2 corsie di sono riunite ed abbiamo cominciato a correre tutti assieme.


Al tredicesimo miglio la strada ha cominciato a salire ripidamente (ponte Pulaski di 1,5 km tra Brooklyn e Queens) e quasi a metà c’era il segnale della mezza maratona, passato in 1h41’21”. Qui ho cominciato a rallentare un pochino, fino ad allora tenevo una media di 7min40sec al miglio, da qui sugli 8min e25.


Finito il Queens, attraversiamo il ponte Queensboro, un ponte coperto lungo più di tre kilometri che passa sull’East River per farci approdere a Manhattan, per la prima parte una salita ripida, poi una discesa ripida con curvone a 360° per farci immettere nella Prima Avenue.


Da qui alla fine, ad ogni miglio è presente sia il rifornimento che il rilevamento cronometrico, perchè sulla Quinta Avenue i podisti stanno per concludere la gara. Qui la strada per 4 miglia (6 km e spiccioli) la strada è diritta, ma non in piano, ma tutta su è giù.


Anche quà la gente incita e urla e come negli altri quartieri offre banane, cicche, lecca-lecca, acqua e integratori.

La temuta crisi arriva al 31° kilometro vicino al ponte Willis, che collega Harlem al Bronx, la strada sale ripida e la fatica comincia a farsi sentire.


Al 35° Kilometro passo in 2ore58min, gli ultimi cinque li ho percorsi in 30min esatti (quindi con una media di 6min al kilometro). Anche nel Bronx, a dispetto delle voci, che molta gente che incita, addirittura una signora con pentola e mestolo e i bambini offrono banane a pezzetti e caramelle.


Passato il ponte Madison, ritorniamo ad Harlem, dove ci accoglie un nutrito gruppo di cantanti Gospel. Dal 20° miglio al 24° miglio la mia media resta di 9min45sec a miglio (6min al km) anche perchè ad ogni rifornimento mi fermo quasi un minuto a camminare bevendo il gatorate e ripartire è un po’ dura. Alla 110a Strada affianchiamo Central Park, mancano circa 6 km all’arrivo.


Al ventiquattresimo miglio (86a Strada) entriamo in Central Park, qui la strada è larga poco più di 5 metri e il tifo è assordante, sembra di percorre i passi alpini in bicicletta al giro d’Italia.

Con la gamba sinistra come un tocco di legno, che credo abbia perso la sensibilità al 21°imo miglio, arranco spinto dalla folla e dalla voglia di arrivare, ma la strada continua a salire e a scendere in maniera altalenante.

Passato il 25°imo miglio (e 40km) la strada scende e riesco ad abbassare la media a 9min24sec al miglio.

Passati per la 59a strada percorro l’ultimo quarto di miglio e terminato l’ultimo strappo taglio il traguardo.



Il tabellone segna 3h59min41sec, ma è il tempo della partenza alle 9e43, il mio tempo effettivo e di 3h42min16sec, arrivato posizione 7415 (fonte NewYorkTimes)

Si ringrazia il presidente del Piede d’oro per le immagini fornite con la sua telecamera… 


------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Una risposta a LA GARA


  1. Beppe scrive:
    Grande Omar!
    Complimenti ancora per la tua maratona e per il modo in cui l’hai raccontata: dev’essere stata davvero un’esperienza unica!
    Ci si vede Domenica!
    Ciao