1.1.21

FOTO DEL MESE - 2020

FESTEGGIA 10 ANNI LA RUBRICA DEL SOXJ 
(FOTO DEL MESE)
SONO RIUSCITO A FARLA
(PEGGIO PER VOI)
ANCHE QUEST'ANNO

26 Gennaio 2020
WINTER TAKERY
Primo, il Soxj al traguardo volante (che non c'è) è primo!!!
----------------------------------
16 Febbraio 2020
SOZZAGO IN LOVE
E i primi 4km sotto i 4 di media
----------------------------------
4 Aprile 2020
STRA IN CASA
Corse bandite!!!
Torneo di canestri!!!
----------------------------------
25 Aprile 2020
HELP MARATHON
80 giri da 72 metri in casa
2080 scalini fatti
----------------------------------
10 Maggio 2020
PRIMI 10 CHILOMETRI
Primi 10km dell'anno! Sofia si avvicina
----------------------------------
1 Giugno 2020
ASCESA AL CROCINO
Immancabile l'ascesa al monte crocino
----------------------------------
30 Luglio 2020
AMERICANA IN PISTA
E l'ebrezza di condurre la gara per 10 minuti
(Jonathan-Soxj-Beppe)
----------------------------------
19 Agosto 2020
RIFUGIO AL CACCIATORE
Ed anche il primo D+1000
 lo abbiamo portato a casa
----------------------------------
6 Settembre 2020
47a CITTIGLIO-VARARO
Un pelo duretta, ma proprio un pelo
----------------------------------
4 Ottobre 2020
CARDACRUCCA
Anche se no c'è, la facciamo lo stesso (Onofrio-Dario_Soxj)
----------------------------------
8 Novembre 2020
NON RESTATE A CASA
Uscite a correre, non restate a casa
----------------------------------
25 Dicembre 2020
NATALE CON LA NEVE
Ricordati di santificare le feste

28.12.20

La nevicata di fine dicembre 2020

Si avvicina il momento di questa fine d'anno un po' travagliato per le corse. Mai come quest'anno ho scritto talmente poco ed anche quando siamo riusciti a partecipare a delle corse, non mi è venuta ne la voglia e ne l'ispirazione per buttare giù due righe.

Oggi scrivo perché è stata una giornata speciale. Si, la neve... ecco, non ricordo se ho mai corso sotto una fitta nevicata: forse si ma non me lo ricordo (è l'età senza dubbio).

A parte il freddo che ho patito poco (avevo su la termica che regge a -15), le difficoltà, oltre ai 15 centimetri di neve accumulati sul terreno, erano proprio per il vento, che mi mandava i fiocchi dritto negli occhi. Però dai, il gioco ne valeva la candela e il percorso corto di 7 km sono riuscito a farlo senza problemi.

Ovviamente ho tirato dritto al bivio della Marinona senza entrare nel percorso vita e farmi 3 km con i piedi immersi nella neve e nelle pozze d'acqua sottostanti, però mi sono concesso una pausa per fare un breve filmato nella salita dove ero solito a fare le ripetute sui 100 metri.


Poi tutta discesa e, incredibilmente, oltre a qualche persona che passeggiava con l'ombrello, ho incontrato pure due podisti... Sottopasso dalla tangenziale, scritto "CIAO" sulla neve vicino alla prima rampa, e poi dritti a casa... con record rispetto all'uscita di Natale (c'era forte vento allora), anche se con 1,4 kg in più di panza.


Speriamo che l'anno prossimo si risolva questa situazione (spero almeno dopo Pasqua), e che si ritorni a correre tutti insieme... che questi racconti insipidi che sto scrivendo, mi mettono l'ansia :D


29.11.20

Luna mezza Piena

Domenica scorsa, mentre facevo la mia consueta corsetta domenicale, guardo per un attimo l'orologio, che mi segna 39'20" con un chilometraggio di 7,89 km... 

Manco a dirlo che un runners si fa subito i suoi calcoli mentali e li spiattella lì con i suoi record dei tempi andati... 39'20"... cavoli, nel 2012 ero già seduto sui gradoni dell'arena dopo il PB sui 10K

https://soxjdownhill.blogspot.com/2012/03/voltorre-sul-sempione.html

Però non mi danno più di tanto l'anima, in questi momenti l'importante è riuscire a fare qualcosa, anche solo una sgambata, e visto che la piscina me l'hanno chiusa fino a data da destinarsi, l'unica zona libera con un po' di luce e un po' di caldo mi rimane la domenica pomeriggio.

Ma oggi ho fatto tardi (diciamo compiti di matematica e una testa dura), ed allora l'uscita pomeridiana si è trasformata in una uscita serale, con ampi tratti di bosco, che ormai conosco a memoria (ci ho lasciato giù anche le caviglie ogni tanto), con il chiaro ridotto ad un lumicino e con solo la Luna, un po' lontana da Marte stasera, a farmi vedere qualcosa.

Ora magari a qualcuno viene in mente la canzone di Miguel Bosè, "se tu non torni", col Soxj che viene aiutato da una stella come un re magio (che di questi tempi non si sa se l'Epifania verrà spostata il 21 marzo come il Campaccio) 

http://testicanzoni.mtv.it/testi-Miguel-Bos%C3%A9_9001/testo-Se-tu-non-torni-1160378

Però ai più nostalgici, come il mio amico Daniele Uboldi, verrà sicuramente in mente i miei deliri letterari di qualche anno fa, con un inseguimento ed una fuga dalla luna...

https://soxjdownhill.blogspot.com/2011/01/deliri-pre-mezza.html

Tutto questo scervellamento per dirvi che son tre mesi che non scrivevo più su questo blog (ma ci sono ancora), che mi manca da morire correre in compagnia coi miei amici runners (ma si resiste), che ogni volta che corro sono felice anche se i runners che incrocio non salutano (oggi due uomini no, ma due donne si) e che ho vinto il badge mensile del week-end sui 10K :D



2.8.20

16x400m

Serata di giovedì... ancora intontito dall'anestesia e dall'Oki, mi dirigo verso la pista di Casorate Sempione per la nostra settima gara sociale: registrazione e misura della temperatura prima di entrare in pista, registrazione dati, firma privacy, misurazione della temperatura, compilazione foglio privacy e sanificazione mani una volta in pista...
Forse ci si può scaldare un attimo, prima il cambio, mmm,,, fa troppo caldo, ci suddividiamo per la scelta delle squadre (5 squadre di 3 elementi), c'è da correre un'ora in staffetta, percorrendo 400m a testa o volendo anche più.

La mia squadra, o meglio, quella di Jonathan, è composta da me, Jonathan appunto, e il Beppe.


Si decidono le tattiche, ok, facciamo un giro a testa, Jonathan, io e Beppe, poi vediamo se fare più giri io e Jonathan, altri fanno tattiche diverse, 800m a testa, dai, ci sarà da divertirsi, ore 19.10 la partenza, siamo già in ritardo, mezza pista è all'ombra, mezza pista al sole, in mezzo ragazzi che giocano a calcetto.

Il primo giro, con quelli più forti, il gruppo è compatto, c'è il cambio, si riparte, mi aggancio ai primi, in testa il Duca e il Matt, mi tengo dietro, percorro 200 metri, poi la curva, la solita curva con la bandierina dei 200 metri... cavoli era il via dell'accelerazione quando avevo fatto i miei primi 800 metri nel 2012, cavoli era stato il via di quando avevo fatto podio al miglio all'Arena nel 2013, cavoli, cavoli, cavoli e niente, son partito in tromba e li ho lasciati li... roba di poco conto... giro in 1'16", media di 2'58", però almeno siamo in testa alla gara.


Passo il testimone al Beppe, che forse preso dall'euforia, riesce a mantenere il vantaggio e tagliare il traguardo per primo; riparte Jonathan e poi riparto ancora io, riesco a fare ancora la volata finale, media del giro di 3'19", sono quasi senza fiato e riparte il Beppe ancora con margine.

Altro giro altra corsa, il Jonathan incrementa ancora un po' il vantaggio, mentre io calo ancora un pochettino, la media ora è di 3'39", il caldo si sta facendo sentire, e non siamo ancora ad un terzo di gara.


Nono giro di squadra e il Matt e ai 200m il Matt sorpassa il Beppe, perdiamo la leadership: quando riparte il Jonathan dico al Beppe "Beppe, basta! Ora rallentiamo che va bene così". Però il problema è che Jonathan non era li a sentire e continua a girare come un martello... Concediamo un turno di riposo al Beppe, anche due, la mia media si assesta sui 3'50"/4'00" di media... ovviamente faccio la volata finale solo quando a darmi il cambio c'è il Beppe...

Al mio ottavo giro, alla bandierina dei 200 metri, mi passa il Matt... va forte, va maledettamente forte... però cavoli è la mia bandierina... eh niente... lo aggancio, lo tengo per cinquanta metri e lo supero all'esterno... facciamo la volata come dei pirla (si lo posso ben dire), questo è il mio secondo giro più veloce, media di 4'25"... sono quasi morto, ma ora il sole è calato ed incredibilmente, anche se siamo tutti più stanchi, andiamo un pelo più veloce...



Il giro dopo aggancio il Dario e ci riposiamo facendo il giro assieme, il giro dopo vengo passato dal Duca (anche la seconda posizione sfuma), un altro giro dopo arrivo assieme all'Aldo facendo la battaglia coi testimoni...


Però ora siamo agli sgoccioli della gara, ci sono da percorrere gli ultimi 5 giri circa: diamo il riposo al Beppe e facciamo gli ultimi sprint finali: le medie si abbassano ancora, 3'36" e 3'41", taglio il traguardo allo scadere dell'ora: il Jonathan percorre l'ultimo giro a manetta e poi ci concediamo, una volta arrivati tutti, una foto ignorante.


Cambio, doccia col bidone dell'acqua, vengono giù pure quattro gocce di pioggia, e poi via tutti in pizzeria per concludere la serata in compagnia.


Tornare a correre i miei 400 metri in pista, anche se con le Asics pantofolose, mi ha fatto riassaporare certe emozioni che non riprovavo da tempo, già emozioni... neanche il tempo di stare un giorno felice ed arriva la bella notizia che la 10k di Sofia è saltata, causa blocco dei voli in Bulgaria fino a dicembre per il Covid... ed ora che fare dopo che ho iniziato da un mese la preparazione? Io una idea già ce l'ho ;-)

26.7.20

Cardacinelandia

Si ritorna a correre, non in gare ufficiali, ma in un allenamento di gruppo che facciamo in modalità "gara interna".

Arrivo poco prima delle ore 9 e mi accorgo che la maggior parte dei cardatleti scalpita già per partire (ma non si deve partire alle 9.30?).


Alle 9.20, quando praticamente siamo tutti presenti, percorriamo un giro di riscaldamento (la prima parte del tracciato), di circa un chilometro e 200 metri, poi gli altri proseguono mentre noi ci riposiamo sotto la calura ed i moschini.

Foto ufficiale e poi la partenza, dalla riga di asfalto nero: questa volta con un pronti partenza e via: click sui garmin e si parte.


Alla partenza vanno già velocissimi, sotto i quattro, ed allora mi assesto sui 4'12" vedendoli sfilare piano piano... dopo un chilometro mi affianca Enea, percorriamo circa un altro chilometro e mezzo assieme, passiamo dall'intergiro (preso dal Dario), salutiamo l'Antonio e poi al giro di boa, il coach se ne va e ritorna sotto l'Onofrio.

Io al terzo sono quasi in affanno, riesco a tenere un passo di 4'17" mentre l'Onofrio mi passa ad una velocità doppia (circa 4'05" mi confiderà poi), però la gara è ormai agli sgoccioli e passati dal Cinelandia decido di fare l'allungo finale e buttare giù le ultime energie residue. Ne escono fuori 600 metri sotto i 4', con una punta finale sotto i 3'10".


Stanco, esausto e soddisfatto: nelle ultime settimane faticavo ad andare sotto i 4'45" in allenamento e oggi sono venuti fuori 4'13" su 4'6 km.

La strada per Sofia è ancora lontana (in questi giorni hanno pure bloccato i voli per l'aumento dei contagi, che sono pari a quelli attuali in Italia), il mondo dei runners è sconvolto dall'off-line del sito della Garmin, però non si molla un c****.

6.7.20

GIRO DEL LAGO

Si ritorna a correre una gara: più che gara è stato un allenamento di gruppo, in modalità gara sociale.

Però era dalla gara di Sozzago che non ci si ritrovava, ci si scherzava e si correva assieme con amici di mille battaglie.


Ritrovo in quel di Ternate, partenza all'interno del parco Berrini. L'Alessandro ci accompagnerà, assieme alla Ella, Edo e Ale, in bicicletta.

Dopo le foto di rito (normale + ignorante), il coach da la partenza improvvisata e subito mi porto dietro al plotoncino del gruppo dei primi con il Duca, l'Antonio, il Jonathan, il Matt e Peter; vanno piano, per modo di dire, ai 4'10" di media... l'Enea si stacca dopo un 500 metri, mentre io resisto altri 200 metri.
Rallento e mi faccio riprendere dal Dario e dall'Onofrio: con loro riesco a fare un po' di chilometri e poi nel tratto centrale della gara, mi stacco facendogli prendere qualche metro di vantaggio.
Un chilometro dopo sono di nuovo sotto, poi se ne vanno ancora e quasi mi prende l'Enea.
Rallento un po', il caldo si sta facendo opprimente, nell'ultimo chilometro prendo di mira la Ella coi piccoli Duchini.
Entro nel parco e lancio la volata... come un bigolo, a fionda dietro l'Edoardo che pedala velocemente. Alla fine vince lui, inconsapevole di un metro, mentre io faccio registrare un 2'20" di punta massima.


Mi sdraio per terra ansimando, e poi si aspettano gli altri cardatleti che arrivano alla spicciolata; Diego, Danilo, Enea, Daniele e Giuseppe, assieme ai miei che hanno percorso il giro corto.

La mattinata prosegue con un pic-nic dove trascorriamo qualche ora assieme, sempre mantenendo le distanze sociali, ovvio, prendendo pure un po' di sole... anche troppo!!!


Quindi alle 15 saluto la compagnia, per andare a farmi 20 vasche in piscina!!!



25.4.20

1a HELP Marathon

Ieri sera, tornato dal lavoro, ho avuto un ritaglio di tempo (terminato il mio ruolo settimanale da baby-sitter) per iscrivermi ad una nuova gara di solidarietà, questa volta lanciata dall'Atletica 3V e dall'associazione "Il sorriso di Michela" : la HELP Marathon.

Questa volta a favore dell'Istituto Sacra Famiglia di Cocquio Trevisago, duramente colpito dall'epidemia di Covid-19 (Cocquio purtroppo è uno dei paesi con più positivi della provincia di Varese e per numero di abitanti, probabilmente in cima alla lista).

Quindi, effettuata la donazione a favore dell'Istituito, ricevo dopo cena dal VITTORIO CIRESA, il pettorale ufficiale della maratona virtuale, comprensivo di medaglia.

Fondazione Sacra Famiglia Onlus
IBAN: IT34 T 05216 01630 00000 0008304
Emergenza Covid-19 Sede Cocquio - Help Marathon


E visto che son libero, salta la partita di basket con Elia (effettuata due settimane fa): quindi che fare? L'unica cosa possibile è correre un'oretta sul tappeto, perché mi ero ripromesso "mai e poi mai" di fare il criceto e correre in casa.

Però poi mi sono ricordato che sono il "Soxj" e che "Corro con Criterio", quindi in mattinata, dopo i soliti esercizi di stretching ed aver fatto colazione, sposto il tavolo, il divano e qualche mobile e mi ritaglio un percorso in casa, tra cucina, sala, corridoio, anticamera e camera: misurazione fatta "a passo" e riesco a ritagliare tra andata e ritorno un bel circuito di 72 metri, con 26 scalini (13 a scendere e 13 a salire).

Però per rompere la monotonia (non posso fare un centinaio di giri come un criceto, rischierei di impazzire), mi ripropongo di metterci dentro un po' di plank ogni 10 giri: così ogni sessione è composta da 720 metri con 260 scalini (dislivello positivo di 30 metri), 40" di pausa, 1' di plank, 20" di pausa e così via. Ovviamente sul luogo della partenza c'è il contagiri (manuale) che aggiorno ad ogni passaggio, al volo.


Riesco a mantenere una media accettabile, con ogni sessione costante tra 5'31" e 5'47", e comunque per rendere la sfida più interessante, corro praticamente tutta la gara sulle punte dei piedi e con le scarpe A2. Con una certa difficoltà riesco ad evitare di prendere le testate sullo stipite della porta, di fracassarmi le gambe sugli spigoli del tavolo, di dare spallate ai montanti delle porte e di volare giù dalle scale.


Quindi dopo meno di 58' minuti, termino la sessione di corsa e per arrotondare ad un'ora precisa, l'ultimo esercizio di plank, diventa da 100 secondi.


Fatica terminata con poco meno di 6 km percorsi in 45 minuti, con una media che sta di poco sotto gli 8 minuti al chilometro che, considerando che non corro dall'8 marzo (perché per me il tapis roulant non è corsa, ma saltallare)  con gradini, curve e controcurve, è più che discreto.

La nota positiva è stata la risposta del popolo dei runners, che anche stavolta si è dimostrato solidale e unito come non mai: più di 350 partecipanti con una donazione complessiva che ha superato le 6000 euro.

Un grazie a Vittorio e soci per la bella iniziativa, speriamo che la prossima la si possa fare all'esterno, almeno che ci concedano qualche metro da fare fuori casa e senza mascherina, dopo il 3 maggio.