18.2.18

abBOZZi di corsa

Ad una settimana esatta dall'avvio del Piede d'Oro, provo come sta il piede nel morbido percorso del Trail di Bozz, organizzato dall'Insubria Sky Team: anche se è da una vita che non supero i dieci chilometri (dalla Cardacrucca internos), provo a vedere quanto riesco a tenere (e al massimo mi fermo a camminare)...

Arrivo in zona partenza al centro sportivo di Arsago Seprio verso le ore 9.15. La partenza del Trail lungo, di circa 24 chilometri verrà data alle ore 10, mentre la partenza della gara non competitiva (mini Trail) di circa 12 km verrà data alle ore 10.30.

La temperatura è abbastanza rigida, ma non troppo, c'è un nebbione e questo fa già capire che il sole tarderà ad arrivare: molte facce nuove (il circuito dei trail è quasi un mondo a parte) ma molte facce conosciute: dagli amici cardi Alessandro, Dario e Giuseppe...

Agli amici della Mezzanese Barbi, Samu, Lili, Francesco, Stefano, Giovanni, eccetera...

Barbi foto
Mi sbrigo a ritirare il pettorale: la gara lunga ha avuto il sold-out fissato a 500 iscritti, ed il Trail corto non è stato da meno, superando abbondantemente le 370 iscrizioni: comunque coda quasi inesistente e pettorale con spille intascato in meno di cinque minuti.

Barbi foto
Verso le ore 10 meno 10 mi porto in zona partenza, dove stanno per cimentarsi i trailers del percorso lungo, saluto il Peter e la Giuliana e scambio due chiacchiere con il Diego. Poi ecco la partenza: cinquecento persone sono tante e dopo qualche secondo che siamo li a guardarli, veniamo avvolti da una ventata gelida dovuta allo spostamento d'aria del loro passaggio.


Poi è il mio turno e mi avvio con un ospite d'eccezione... Cambio veloce, via la tuta e rimango in abbigliamento tecnico lungo ma leggero, guanti e cappello e via nella zona di partenza. Anzi, un attimo prima, stringo bene i lacci delle scarpe... un'operazione importante (qui l'insegnamento è d'obbligo!).


Quindi, eccoci in zona partenza, riscaldamento saltellando e poi a seguire la Graziella e soprattutto lo Stefano!!! In zona partenza siamo a ridosso del gonfiabile e scatta il selfie con il Paolo.


Partenza e anche se non sembra, si comincia a spingere o forse, si è trascinati a spingere dalla marea umana di runners che ti circonda, compresi Stefania e Raffaele che mi sfrecciano via sulla destra... Il sentiero è stretto ma non troppo e si comincia a respirare verso il secondo chilometro. Intatti io comincio a respirare e dal 5'15" di media passo ad un più abbordabile 5'45".
Il percorso è abbastanza nervoso e iniziano anche le salite impegnative, seguite da discese ed un continuo su e giù. Dopo aver salutato il Michele e concesso un bel sorriso all'Arturo (a breve link e foto), la strada inizia a spianare e al km 6,7 guardo il cronometro che mi dice 40'15"... Mi torna alla mente che in questo periodo, sei anni fa, al Trofeo Sempione, minuto 40'15", ero sdraiato sui gradini dell'Arena di Milano, morto, dopo aver fatto il PB (38'55")... Ripenso ad ora e mi dico che è fottutamente bello correre...

Km 8,2 circa ed ecco il primo ristoro ufficiale (c'erano un paio di ristori abusivi sul percorso): in zona "maneggio" mi prendo due zollette di zucchero e riprendo l'andatura sul lungo rettilineo che costeggia i cavalli... Qualche metro e mi fermo a camminare... Non so se per stanchezza, per ricaricare le batterie o per essere già entrato mentalmente negli 8,2 km delle Marciando per la vita...


Però questo breve riposo mi fa bene: da qui inizio ad aumentare la velocità, forse dopo che al km 9,9 i primi due del trail lungo mi sverniciano e se ne vanno, e riesco a chiudere l'11 km in 5'15" e addirittura gli ultimi 500 metri in 4'25", con il cinque dato allo Stefano. Tre fette di pane e Nutella con la Coca Cola, saluto il Paolo e via verso casa...
Più tardi, a casa, realizzo che il Fernando ha vinto "Finalmente" la sua prima gara (sono soddisfazioni)... contento per la sua vittoria, un po' meno il distacco che mi ha rifilato (diciamo meno di mezz'ora :-D).

Che dire, riprendere è sempre dura, però ce la mettiamo tutta.

13.2.18

86a Cinque Mulini - I Video

Quest'oggi niente gare... dovevo filmare
 
PARTENZA GARA MASTER SM50 E OLTRE
 

PASSAGGIO GARA MASTER SM50 E OLTRE


ARRIVI GARA MASTER SM50 E OLTRE (CARDATLETI)


PASSAGGIO GARA MASTER SF


SALITA GARA MASTER SF (CARDATLETI)


SALITA 1° GIRO GARA MASTER SM35-40-45

 
PASSAGGIO MULINO GARA MASTER SM35-40-45
 

4.2.18

ALL'ARANCIOLONA FO NOVANTA

Prendo spunto da una frase di mister hastagh, sulla paura di scivolare nel tratto finale dell'Aranciolona, l'ultimo tratto di sterrato che era più che altro un mix di scivolosa fanghiglia infingarda. Paura di cadere, paura di non riuscire a correre come si vuole, paura di non riuscire più a correre... Conti alla mano, oggi scadeva il giorno 90 in cui non indossavo un paio di scarpe da running (ho fatto nuoto, sci, bicicletta e pedalato pure alla visita medico sportiva)...


Ero partito con l'idea di fare il percorso corto tranquillo, cioè camminando a passo spedito, facendo foto e video agli amici che mi avrebbero passato, ma poi, dopo la foto iniziale, ho deciso di meritarmi una scorrazzata lungo l'Olona a passetto di corsa.


Quindi alle 9.03 puntuali (alle 9.30 sarebbero scattati i 91 giorni) pronti, partenza e via! Pochi metri e il gruppo si sfoltisce, rimaniamo io, la Francesca e l'Ivan per un chilometro. Rispondo pure ad una signora che mi chiedeva che gruppo eravamo (evidentemente vedersi venire incontro quasi trenta casacche viola-bianche e verdi fa un certo effetto)... Poi l'Ivan se ne va e rimaniamo io e Francesca, primi mille un po' allegri a 5'06" e 5'13" e terzo di studio, dove pensiamo alla tipa che si fa 2 ore e 30 di pausa pranzo...

Al terzo chilometro e mezzo decido saggiamente di voltare a destra per il percorso corto, anche perché qualche doloretto comincia a farsi sentire (un po' anche per l'inattività) e quindi mi riporto sulla via del ritorno (4km del corto, 9km del percorso medio e 14km del lungo). Le medie si stabilizzano tra il 6' e il 6'30", ma va bene così...

L'ultima parte di gara fino alla salita finale la corro con un cinquantenne (compiuti quest'anno) parlando di indurimento muscolare, di mezze, di mancanza di ferro e di alimenti che ne contengono.


Sull'ultima salita, a 42' faccio un rapido calcolo, non vedendo arrivare i miei e capisco che riuscirò a non essere doppiato. All'arrivo esulto per una fantomatica vittoria di giornata ( e per la foto dell'Alessandro) ignaro del fatto che i cardaragazzi terribili Federico, Gabriele e Giulio mi sono stati davanti di una decina di minuti.

Neanche il tempo di andare a bere un goccio di thè e mi metto al lavoro per tirare giù i tempi di giornata e la posizione dei miei, con l'aiuto dell'Alessandro che scatta foto a ripetizione.

Anche questa volta son contento di vedere arrivare i miei amici, stravolti, ansimanti e con le facce sudate, mentre io "non sono neanche sudato" (è la frase che mi hanno detto alla visita medico sportiva dopo 8 minuti di pedalata).


Ottima gara comunque l'Aranciolona, organizzata dagli amici del Podismo e Cazzeggio: a tutti i partecipanti un sacchetto di arance e ristoro a volontà (anche con pasta e fagioli, vero Gabry?) che per 3€ è tanta roba. Ovviamente da rifare anche l'anno prossimo, magari un po' più in velocità. 

Per il resto, ancora una volta, Soxjdownhill is back!!!



29.1.18

1° WINTER TAKERY

Si ritorna a Cascina Costa, questa volta d'inverno per la prima edizione del Winter Takery, organizzata dalla Samverga...
Ancora in stand-by, in black-out e sotto l'effetto rintronante delle onde d'urto (Energia!!!!!!!), mi accontento nel vedere scorrazzare, sudare e sfiancarsi gli amici runners, oggi davvero tantissimi (più di quattrocento)...

Foto by Liliana

Quindi, ecco qui, i video della partenza e degli arrivi (ovviamente a maggioranza Cardatletica, con l'aggiunta di qualche amico).


7.1.18

VIDEO CAMPACCIO 2018 e varie

Sabato 6 gennaio, prima gara dell'anno dal 2011 è sempre il Cross del Campaccio, quest'anno giunto alla 61a edizione. Quest'anno, dopo l'ultimo posto della passata edizione, decido saggiamente di partecipare con il telefonino per fare qualche video ai miei atleti. (Foto di Ale Marcandalli)


Tre le gare per i master, nella prima, con partenza alle 9.15 prendono parte gli SM35-40 (avrei esordito nella nuova categoria). Fortunatamente la pioggerella smette e il percorso tiene: all'esordio con la cardamaglia il neo socio Kostia e il tifo sia per lui che per gli amici Sandro e Fiurash.


Successivamente la categoria più agguerrita, quella dei SM45-50 che parte alle 10.00; qui inizia a piovigginare e a tratti smette. Il grande Antonio Vasi chiude terzo, super lotta tra il Carlone e il Mario e Vince al rientro.


Come ultima la gara riservata alle restanti categorie maschili dai SM55 in su, assieme a tutte le categorie Senior femminili, con partenza alle 10.45: grande tifo per Katia, Laura, Nadia, Lorena, Luciana, Claudio e Beppe.


Infine, nel post-gara ci siamo ritrovati io, l'Antonio e il Ferdy a parlare del suo esordio al Campaccio... E salta fuori il nostro esordio, nella gara dei professionisti, con l'atleta dell'allora Palzola che doppia quello del Casorate.


Quindi passata l'Epifania, lo sport attivo si sposta alla domenica, con una "camminata veloce" da Villa Toeplitz al Sacro Monte di Varese in compagnia del Ricky, che proprio veloce non è, tant'è che restiamo in ballo per quasi due ore per fare 8,5 chilometri: però lo spettacolo in cima è spettacolare!!!


QUASI...

Quindi verso sera, mi tocca fare qualcosa di più impegnativo... la piscina è pressoché deserta (due corsie su sei libere) ed allora di va alla caccia del primato stagionale (conquistato appena messo piede in piscina) e di quello assoluto...


Diciamo che il compitino per la prima del 2018 ce lo siamo portati a casa: 100 vasche consecutive (vecchio record 84)  con una media di 15/16 bracciate a vasca... 1 ora e 21 per fare 2500 metri.

27.12.17

FOTO DEL MESE - 2017

Torna per il 7° anno consecutivo la rubrica del Soxj, quest'anno molto avara di corse, con lunghi periodi di stop, e più che corse bici e nuoto. Comunque momenti importanti ce ne sono stati tanti... eccone alcuni...
----------------------------
venerdi 6 gennaio 2017
Campaccio

Gli ultimi saranno i primi... Ivan, siamo ultimi!!!

--------------------------------------
domenica 19 febbraio 2017
Sù al Picuz
L'area rarefatta ci da alla testa...

--------------------------------------
domenica 5 marzo 2017
Parabiago Ten

Gli invalidi nel milanese

--------------------------
domenica 30 aprile 2017
Allenamento in valle


Se non si può correre... si cicla

--------------------------
domenica 21 maggio 2017
Helirunner Relay Run 3.0

Ginger, dove sei???

--------------------------
sabato 17 giugno 2017
Cardagiochi

Ok, tanto sono solo 200 metri (28")

--------------------------
domenica 9 luglio 2017
Trail for Avis


Walking for me!!!

--------------------------
lunedì 21 agosto 2017
Rimini

Neanche in vacanza ti lasciano in pace

---------------------------
sabato 2 settembre 2017
TRAIL DEL BOIA

La coppia che scoppia!!!

----------------------------------------
domenica 22 ottobre 2017
CARDACRUCCA Internòs

15 KM... non sento più le gambe!!!

--------------------------------------------
domenica 5 novembre 2017
TRAIL DELLE TERRE DI MEZZO

L'ultima con la Vale

-----------------------------------
sabato 2 dicembre
FINE DI UN CICLO

Ultimo anno M35, da l'anno prossimo si ricomincia





21.11.17

Athlon Cross 2017

Sabato pomeriggio mi ritaglio un attimo di tempo, prima di festeggiare i quattro anni del mio erede, (che potrebbe a breve prendere il mio posto) e al Ponte di Vedano prendo la direzione Tradate e mi porto in direzione Biciccera per il cross dell'Athlon Runners, prima tappa del Winter Challenge 2017.


Prima tappa e coda al banco iscrizioni data l'affluenza di chi si iscrive alla gara di giornata e chi al circuito; io comincio a salutare gli amici che incontro sulla strada, dall'Antonio R., allo Stefano, con Luisa e Katia al trio Giuseppe, Luciana e Kar.


Data l'abbondanza di fotografi, tra cui l'Antonio C. e l'Arturo, che mi immortalano in posa plastica, mi metto a fare il video della partenza e dei passaggi della gara, un po' vedere la fatica e l'energia sui volti dei miei amici, e un po' per lasciargli un ricordo che spero gli faccia piacere.



Quindi, mi apposto inizialmente sotto i due tralicci dell'Enel e riprendo la partenza con il primo passaggio, poi qualche metro più avanti con gli altri due passaggi del cross...




Buona Visione!!!

Partenza
------------------------------
Primo Passaggio
-------------------------------
Secondo Passaggio