1.10.19

11a Camminata di San Michele sotto le stelle

Metti due settimane senza correre neanche un centimetro, una Cittiglio-Vararo e un PdO a Brebbia a camminare dietro e con Elia, aggiungici un allenamento del giovedì a 7,36 di media e poi l'ultima serale dell'anno (credo) in quel di Mornago.


ALBUM FOTO di ARTURO BARBIERI

Quattro chiacchiere con il Beppe e gli amici della Mezzanese, un saluto alla Fede e all'Elisa e poi li, in griglia di partenza, un centinaio di atleti, nonostante il tempo non sia particolarmente freddo.


La mia faccia la dice tutta: voglia di correre saltami addosso, ma poi dopo la curva a sinistra, vedo il lungo rettilineo li davanti (i primi non sono poi così lontani), vado a prendere il Fabio e accelero. Anzi, lo tiro per un chilometro (non avendo il Gps non so a quanto stiamo andando). Il beep di un Gps in zona mi fa rifiatare, si entra nel bosco, la parte più bella della gara: le luci dei fari illuminano il bosco di giallo, lungo rettilineo sterrato, ristoro con prosecco e salame, poi verso il paese, curva a sinistra e foto.


Poi il salitone, dove rifiato ancora un po', la discesa e il primo giro di boa, con l'Arturo appena arrivato che mi fa la foto.


Altro giro, altra corsa (si dice): la fatica si fa sentire e il tratto di bosco è più duro del giro prima. Si ritorna verso il paese, mi si avvicinano due runners e sento il loro discorso: "stiamo andando a 4'30", rallentiamo un attimo!"...
E' un attimo, inizia la salita e inizio a spingere: li stacco, ne riprendo uno davanti e mi butto giù per la discesa. Ultima curva a destra, posizioni cristallizzate e arrivo.


Sono quasi alla frutta, ma mi aspetta il panzerotto del post gara. Chiedo al podista prima di me il tempo (25'08"), quindi mi stimo un 25'15" e al Flavio i km (5,55), ma questi sono variabili, qualcuno ha registrato un 5,25.


Foto finale, cambio e poi cena: birra rossa, panino con la salamella, bottiglia d'acqua e panzerotto, nell'ordine. Ora energie per la CARDACRUCCA, a correre ci penseremo poi...